Cammei: guida alla scelta

Guida alla scelta
Ancora oggi come nel passato un cammeo è bello quando possiamo notare dettagli preziosi.

Per poter ottenere un bel monile bisogna cominciare con lo scegliere una conchiglia spessa e con un bel colore, vale a dire che nel caso della conchiglia detta Sardonica lo sfondo deve essere marrone scuro mentre per quella Corniola deve essere di un intenso colore rosso mattone.

Su una bella conchiglia le abili mani del “maestro cameista” riusciranno ad incidere figure, visi o fiori ricchi di particolari e di raffinata incisione.

Molto importante che la ricchezza dei dettagli non offuschi la loro rifinitura.

Ad un cammeo con tanti particolari soltanto abbozzati se ne preferisce uno dal disegno pulito con figure ben rifinite anche se magari non troppo ricco. Ad esempio un bel profilo di donna avrà un naso aggraziato (il naso è uno dei dettagli che maggiormente rivelano ‘abilità del maestro), una guancia arrotondata e non piatta, i capelli morbidi che accompagnano il volto.

Sarà poi il gusto personale del’osservatore a fargli prediligere un fiore in più, una collana o altri dettagli che arricchiscono l’incisione.